Seduto al Pincio. Quando è tempo di scriver una poesia

Seduto al Pincio

e scrivere una poesia                                                                                                                        ci si al za dal marmo len ta men te
dritti i pensieri nella mente
si scendono le scale con la testa
ferma, a cercar parole in melodia


ed eccole intrecciarsi come in una cesta;

non lasciar sciogliere l’ombra
i poeti, quelli veri, lo fanno apposta
vanno a letto vestiti
cercando in continuazione                                                                                                                non hanno paura della vergogna

mai contenti e mai sazi
sono quelli che vedi vagare soli nelle stazioni
senza fermarsi, senza salutare quando se ne vanno
sembrano dai muri scendere
o lungo i rami degli alberi                                                                                       ritrovarsi a trovare riposo               perchè non ce l’hanno.

Sulle ginocchia poggiati                 scrivono i versi e vivono                     come sanno; ma amati                            mai non non potranno

non appartengono a nessuno
non appartengono nemmeno a se stessi

immersi, guardano, sbuffano, si distraggono
possono scrivere anche: la burocrazia italiana è ancora imbevuta di formalismo.

Immensi. Non se ne curano. Anche quella è poesia.                                                                                         Non gli puoi dire tu, quello che è. O che devono fare.

Semplicemente non ascoltano. Sono vapore …aria e vento che vola via…….

in un grande salto dalla schiuma bianca d’un mare freddo
li vedi allontanarsi nella mano d’un ombrello
persi, nel punto più profondo                                                                                                come rondini impazzite in ANARCHIA                                                                                             nel punto di fuga di un tramonto                                                                                              come un colpo d’ascia o di pennello

o di contro puoi guardarli accendere un altro fuoco

per la tua riva
stanca o sola
o pigra
che ti scivola via,

sempre ci saranno.

Non sanno volare, sono terreni
e s’imbarazzano,
guardano e vanno dietro a una Lei cercando la polvere di fata…

la vera creazione
è quando stai sul letto
quando non ti spogli
quando nessuno ti crede;

eppure tu hai visto
tu hai sentito

Eugène_Ferdinand_Victor_Delacroix_006.jpg

La barca di Dante – (E. Delacroix) – 1822 Musée du Louvre

—– << Soldati di prima linea!! .. Arrendetevi! >>
guarda fuori dalla finestra
il Verzellino minuto
sui fili dell’alta tensione, lasciando penzolare le ali,                                                                     canta con un ritmo che aumenta
progressivo
della Beatrice de Dia delizioso flauto….

E’ tutto questo poesia, non basta altro.

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2007 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...