Clouds: Black & White

                          La visione del mondo contemporaneo di una mente globale nasce se per comprenderne la “forma” integra i saperi separati.

 

20170224_101804.png

“Clouds: Black & White” di Mehiel Free. Per la videopoesia  clicca qui.

I capelli dei giudici sono fili elettrici bianco-celesti, cariche conduttrici col divino: di quello che giudicano saranno giudicati.

L’anima trasmigra quando il corpo è vessato, si nasconde nell’intelletto: un’affettatezza. Affettato è il giudizio, pronti a scriverlo come avviso divino: calato.

Le rovine oltre che testimoni del passato sono lì a rendere netta la sua distruzione senza distrazione, da ciò ch’è stato. Affermano la magnificenza della sua grandezza, in una tensione verso il suo significato, senza negligenza.

Come poesia di riscatto, un camino spento e fissato nel vuoto, figure che non si parlano e svaniscono, data l’innaturalezza posta dello stare composti di fronte. Parole, parole, parole come sordomuti in grida di straziante frastuono si spargono, sono scintille inesatte di Venere come il giudizio sono amplessi repressi.

Tra la contemporaneità dei tempi e degli spazzi le rovine incorniciano il passato nel presente, per un dopostoria percepito nei passi del futuro, entrando nella stanza: perché il futuro prenda corpo, nella sua figura intera è necessario che il “com’era” venga percepito nel com’è”. Il tacito infinito sussurrare del tempo, mai è scomparso, mai volge indietro dimenticato.

Ecco così che siamo finiti in generazioni distinti, di bianco e nero, carichi come nuvole di bui presagi, coscienze non giunte ancora a maturazione per essere svelate.

Guai a dire la verità!!

Viola: colore dell’ipersessualità negata. Ipersessualità di riscatto androgino pigmento di blue e rosa; giudicate le persone dalla loro differenza di genere, voluta leggere al fine di scongiurare la generazione del caos…

Nella distinzione tra i sessi erompe la sintassi della disgregazione dialettica dei rapporti:

  • Inizia così la colpevolizzazione del maschio come soggetto di pericolo, stupido.
  • Inizia quel marchiare la donna come oggetto, serva, risolutrice dei mali, madre.
  • Inizia in questo modo il dispiacere sessuale, il vilipendio.

 

Evitato l’incontro, evitata la nomina.                                                                                   Stereotipato l’incontro, stanze separate, rumori diversi: roughnecks & cheerleaders.

Quando il corpo è vessato l’anima trasmigra in componenti intellettuali.                               Dal buio bianco al rosa, dal neon nero al blue.

…e all’aria tinta di speranza nascono e volano via pezzi d’anima -come traceurs della liberazione.

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Quadri disegni e varie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Clouds: Black & White

  1. Pingback: Clouds: Black & White (ENG) | La FiammaViola di Mehiel Free

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...