Provo a scriverti Amore. Ma solo il mare può abbracciare due isole.

Oh e se
tu fossi
la mia Calliope;
Dalla bella voce!

vuoi?                                                                Quando i notturni spandono silenzi sopra i campi:

solo l’armonia di due corpi vince il silenzio…

 

Solo con te, solo,
cercando costantemente il sole.

E
i cigni, le cicale, i lupi
i falchi, i galli e i corvi
i serpenti,
perché la nostra Arte dell’Amore è visione
di una vita; canto,
disperazione e follia
gioia e bellezza
miseria e degrado:
Arte

in un solo intento.

Affinché la tua parola
nel mio cuore
divenga, spirito delle vergini,
Muse dell’amore gentile,
di musico senza musica,
di cane randagio,
dolce, unico spirito
della mia vita.

                                                                         …e l’oblio della notte senza te, il giorno obnubila…

Chiamami, se credi,
se nei nostri sensi ci sia
corrispondenza;
se credi
in me, d’aver bisogno;

celeste dote degli umani
che oltre il sesso scoperto hanno
qualcosa nell’altro;

e l’ambrosia, è l’indizio del tuo nome
fuoco e fertile terra
di puri zefiri l’aria dipinge e
fra queste piante, ove io
vivo,
penso,
scrivo e sospiro,
o Dea, ti voglio
e prego; la rugiada
che ti bagni ancora
e disseti
le labbra ove io, lì
berrò, se vorrai;

e mentre la Luna veste
di luce limpidissima i tuoi seni,
mandiamo al cielo come incensi

i nostri odori:

due corpi nudi
avviluppati e stretti
nel tempo che scorre,
in questa vita che grida
in queste notti che vanno, via, nel silenzio…

Dammi pietas: l’atteggiamento di chi mostra misericordia.
Di quella ho bisogno
per credere
che n’è valsa la pena
di vivere.

                                                                                                “…ove posa il corpo di quel grande
                                                                                          che, temprando lo scettro a’ regnatori,
                                                                                           gli allòr ne sfronda, ed alle genti svela
                                                                                          di che lagrime grondi e di che sangue!”

Sì.
Ero muto
nei luoghi dov’è più deserto,
i campi e il cielo
desideroso scruto.

Sì,
Eros è alla base dell’anima

Eros, figlio di povertà, figlio di filosofia,
desidera nella misura in cui è manchevole
e filosofa perché non possiede.

Colui che non possiede in realtà ha tutto.

il mio desiderio di amore, allora,
creatore del bello,
per esso,

vorrei fossi tu.

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2015 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...