Senza regole

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

ma con uno scopo…sempre                                                             alle volte è inconscio;

o meglio nascosto

basta riflettere e diventa chiaro.

Mi trovo come

davanti a un viale alberato

è autunno

ci sono colori caldi                                   giallo amaranto, carminio, un tenue verde, del marrone,

tabacco

sembra, bagnato da whisky

è la porta della poesia

ai lati c’è uno steccato

Giovenale, senti, GRIDA!!!: <…sed quis custodiet, ipsos custodes? >

che degli imbecilli hanno costruito

che alcuni saltano

e ci fanno legna.

Quando

il serpente capisco incomincia a premere

al peccato sembra assurgere

ne triste ne pio

lo lascio libero

la parola della realtà  non ha il suo contrario nella fantasia ma nelle parole stesse

in questo modo scrivo.

L’eruzione…              Della lava, le acque in torrente

incominciano a mischiarsi

quello che smuove

di solito è vario,

un frase gridata troppo in fretta, un sentimento confesso

il respiro scivolato

dal seno prosperoso di una donna

l’alternarsi di luci

in un vicolo buio o in una discoteca,

vario.

Ma dove

è il fine dello scrivere, dove quello della religione?

E dove

il fine della vita?

Non penso in quanto sono

ma

al momento che so di essere,

allora penso;

siamo venuti al mondo

per creare noi stessi

in quanto noi viviamo di quello che viviamo, noi viviamo per far cibare l’altro

affinché ci faccia vivere a noi: siamo lo stesso fuoco

siamo lo stesso carbone

siamo lo stesso vapore;

la scrittura, di questo movimento eterno d’auto alimentazione

può, forse, testimoniare?

La stessa Verità non è pura.

La verità di un altro passata di mano allora, è ancor più fallace!!

La scrittura, di questo essere, è la riflessione?                                               ——          <…sed quis   custodiet, ipsos custodes? > —–

A me sembra di no, a me pare che il pensiero

è

dell’essere

la riflessione e la testimonianza.

Cosa è la scrittura allora se non è ne vita, ne alimento,

se non è transustanziazione ?

La scrittura

è

come Credo di vedere

il treno,

del pensiero: è quello che porta alimento e in quanto porta,

fa vivere.

Ecco quindi per me la scrittura assumere le vesti della religione

un Credo portante l’alimento, la riflessione.

Euro_Roma

Oggi

per esempio facendo l’autostop

un rumeno

mi ha chiesto quanto tempo occorreva a piedi per raggiungere la stazione.

Venti/trenta minuti ho risposto e lui si è incamminato.

Dopo poco un signore

gentile mi ha dato un passaggio fino a casa;

ho preso il motorino e sono andato alla ricerca del ragazzo.

Perché lo ho voluto aiutare?

Cosa mi ha spinto?

Un senso alla fine prettamente personale ed egoistico?

Lo sperare che una qualche forza divina mi avrebbe poi ricompensato?

Un dimostrare a me stesso

e idealmente riflesso, un dimostrare qualcosa agli altri?

—-

ho pensato pure che lo aiutassi,

prevedendo un cosmopolitismo slavo in futuro,

come quello macrebino e algerino in Francia,

per diffondere un specie di giudizio positivo della nostra parte

e evitare magari che un giorno delle azioni chiuse e intimorite di oggi

si potessero trasformare in ostilità velata

da parte loro italiani/slavi

nei confronti della nostra parte…italiana…                                                     …Non voglio qui parlare di

cosa sia “noi” e cosa sia “tu”

ma semplicemente far vedere come con la scrittura

ho portato manifesto dei pensieri

e i pensieri portano credi

,

ho anche supposto come poteva sentirsi felice

il ragazzo

ricevendo un passaggio;

in un cerchio infinito d’aiuto del prossimo…

Ecco come la poesia allora

attraversando la porta della realtà

lavora delle sensazioni e le tramuta in attesa di realtà futura

non avendo fine

in quanto il mio dubbio

non riesce a dirsi cessato.

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006 e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...