Il perdono…un sospiro nella solitudine delle fiamme

Non più Pollione ti vide come adorata sua vergine!

Ora i fianchi bruni al sole di Cefalù

sono più rotondi e il seno

dal quale seme è per i figli e virtù,

non è certo meno turgido ma

lo stesso

non è più frutto per le labbra:

 

il rosso suo ingrossato

esploso, non più dramma

potrà ricordare

e sacra speranza sola sua speme, salvare.

 

Il cuore, per chi non ha solo occhi,

è più rosso! Perché madre sei tu

 

ma il tuo corpo comunque,

di fede, gli avresti concesso,

perché?

Perché

il sesso che non volle più

bagnato per lui, tremare

cheto come tra le foglie il vento

come fa la bacca nello speco,

giurasti come sacro al suo fiato e sospiro?

Perché?… soli com’è triste piangere!

Io non capisco.

 

Bella,

con i cappelli neri raccolti,

in coroncine di verbena eri una vergine,

i fiori colti dai bambini

in una zana di petunie

di profumi,

riposavi all’ombra di steli daunie,

e il tuo corpo soave e sul quale la luna aveva dormito

sapeva d’argento,

non sterpo, sul quale scendere miele di pietà e mestizia,

ma morta la felce, falce di chiaro…

 

elucubro.

 

Ecco la luna e tu fosti del mistero gelosa,

pascia sotto il fiero cielo di settembre

sospettosa,

venisti nel delubro,

sotto quella quercia

dove tu conoscevi,

furtiva, che di ogni dì amasti la sera,

che più fervida ardeva

ove con Pollione concupisti isterie

e vagiti d’amore, ma impazzire

non sapesti, tremavi

mentre Adalgisa fremeva

e Pollione raccoglieva dai suoi sospiri

gli accordi per uno scongiuro e

mentre a quella, le lacrime,

dischiuse… e a te il cuore

spezzò.

 

…dolce, perché ti comprendo

l’amore di zolfo, vilipeso d’odore d’esso,

sacrificato avresti anche

i figli, di quella sacrilega innocenza rei,                                   …ma nel grido

li richiamasti in abbraccio e non fu la culla il loro sepolcro.

 

Li salvasti.                                                  Per morire bruciata                                                                        col tuo amore

…e perdonata…

forse!

A chi ti ascolta il lamento, puoi chiederlo…

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...