Qualcuno che a sinistra non piace Syriza. Alba Dorata sradica il terzo posto.

Mentre Tsipras cita Renzi, sul cambiare verso, non sapendo forse del malaugurio che si tira dietro, tutta la sinistra radicale europea aspetta trepidante la vittoria di “quello che ce l’ha fatta”. All’80% dei voti SYRIZA 36.2 (con 149 parlamentari non riesce a raggiungere la maggioranza assoluta) Νέα Δημοκρατία (ND) 28% (77 parlamentari).Perfino Hollande e Renzi infondo sperano che vinca Tsipras, gli spianerebbe la strada nei contrasti con la Troika e farebbe il lavoro sporco con la Merkel e Brussel, coesi nell’austerità. Ma siamo sicuri che tutta la sinistra radicale sia unita attorno Tsipras!? In effetti, no.Il KKE è al quinto posto con il 5,6% di voti e 15 seggi, davanti al Pasok (il Partito Socialista che fino al 2011 era al potere) ed è molto critico con la linea di Syriza che accusa per dirla con le parole del nostrano Diego Fusaro, altro filosofo marxista contrario a questa: “È la sinistra che vuole abbattere l’austerità mantenendo l’euro: cioè abbattere l’effetto lasciando la causa, ciò che è impossibile “per la contradizion che nol consente”.

Durante la Dittatura dei colonnelli, il Partito Comunista Greco (il KKE) si scisse in due. Alcuni militanti condannarono la violenta repressione della Primavera di Praga. Si avvicinarono dunque alla linea del cosiddetto eurocomunismo, i cui maggiori rappresentanti erano i comunisti italiani. Questo gruppo prese il nome di KKE dell’interno e chiamarono ironicamente KKE dell’esterno quelli che continuavano a obbedire a Mosca. Gli eredi del KKE-interno costituirono nel 1991 il movimento Synaspismos, oggi confluito nella Coalizione della Sinistra Radicale SYRIZA

Il KKE si è battuto contro l’ingresso della Grecia nella Comunità europea (ora Unione Europea) ed ha anche chiamato al voto contro il Trattato di Maastricht e l’allargamento dell’Unione. In occasione del 3º congresso della Sinistra europea, tenutosi a Parigi dal 3 al 5 dicembre 2010, ha espresso una posizione nettamente critica alla stessa esistenza di un partito europeo, auspicando per converso il rafforzamento della cooperazione su un piano paritario tra partiti comunisti e operai in Europa, sulla base del marxismo-leninismo e dell’internazionalismo proletario, indipendentemente dai termini e dalle condizioni fissate dall’UE.

Il KKE ha rapporti con molti partiti comunisti dell’area marxista-leninista, come ad esempio il Partito Comunista Cubano e il Partito Comunista Venezuelano. Il KKE ha rapporti con le FARC-EP. Il KKE in Italia ha come referente il Partito Comunista di Rizzo.

Proprio quest’ultimo, sulla sua pagina facebook, ha dichiarato riferendosi a Syriza: “Nomi e sostanza dell’ecclettismo. Da sempre il capitalismo costruisce il consenso, da qualche tempo organizza anche il dissenso.” Ponendo l’accento sul carattere della linea politica radical-borghese del leader di Syriza. Tsipras infatti è figlio d’un imprenditore edile vicino ideologicamente al Pasok, il partito socialista guidata allora da Andreas Papandreou, il padre dell’ex premier George. Non a caso nel suo programma c’è la creazione di una banca pubblica che conceda prestiti alle piccole medie imprese e di una necessaria riforma fiscale europea che assicuri la responsabilità fiscale sul medio termine e allo stesso tempo permetta agli stati membri di usare lo stimolo fiscale durante una recessione. Insomma a Marco Rizzo – fedele ortodosso della linea leninista marxista del comunismo, che si sarebbe disfatto in Italia, a suo dire, proprio con Berlinguer, il primo che avrebbe allontanato la sinistra dalla sua identità con il “compromesso storico” – Tsipras non piace e invita a votare il KKE.

I leader della Linke, la sinistra radicale tedesca, invece si sono mostrati entusiasti dell’ottimo risultato raggiunto.
Al suo fianco, nel Partito della Sinistra europea, c’è anche il segretario di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero. Perché, con «con Syriza che propone una modifica della politica economica a partire dall’azzeramento del memorandum», siamo «dalla parte della soluzione», non «complici della catastrofe». A favore ancora di Syriza la sinistra frazionaria italiana da Sel a Cuperlo e Civati e dell’Altra Europa con Tsipras della Spinelli e di Sandro Medici.

Intanto dall’altra parte c’è Alba Dorata che aspetta, o più correttamente Lega Popolare – Alba Dorata.  Partito greco di estrema destra di orientamento nazionalista, metaxista ed euroscettico. Il metaxismo è il fascismo greco è una ideologia nazionalista ed autoritaria solitamente associata al dittatore greco Ioannis Metaxa fondata sulla creazione di una Grecia etnicamente e culturalmente “omogenea”. Una contraddizione in termini dato che non esistono culture “omogenee”. Il suo leader è Nikólaos Michaloliákos il quale dal 28 settembreb 2013 risiede in carcere in attesa di giudizio perché sospettato di essere il mandante dell’omicidio di un rapper antifascista, Pavlos Fyassas. Oggi tutti i parlamentari di Alba Dorata, detenuti da mesi con l’accusa di aver costituito un’organizzazione criminale, hanno votato nei seggi installati appositamente nelle carceri del Paese. Se parliamo di chi ha vinto bisogna parlare anche – bersaniana memoria – di chi non ha perso. Alba Dorata è la terza forsa del paese con il 6,4% e 17 seggi. Simpatie con Lega Nord, Front National, Nationaldemokratische Partei Deutschlands (Il Partito Nazionaldemocratico di Germania NPD), il Dutch far-right dell’olandese Geert Wilders e il Jobbik ungherese sono nell’aria.

Stando ai regolamenti greci, se i leader dei primi due partiti (Tsipras di Syryza e Samaras di Nuova Democrazia) non riusciranno a formare un governo, dovrebbe toccare al leader del terzo.

Annunci

Informazioni su Mehiel Free

The Sky and The Earth Meet in The Horizon, My Art and My Profession Meet in This Blog. . . A Poet, a painter, a wanna-be video-editor, specialized in Migration/Immigration, Degrees in Giornalism (MA) and Literature and Philosophy (BA). Collabs welcomed!
Questa voce è stata pubblicata in Fatti e spiegazioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...